SAN e gli altri

Sto lavorando ad aggiustare i contenuti del prossimo corso di archivistica e ho avuto modo di soffermarmi con un pò più di attenzione sul SAN e sui sistemi e portali che ci ruotano intorno. Su SAN non si può che confermare la prima impressione tutto sommato positiva con i limiti inevitabili(?) che un sistema così ambizioso sconta nelle fasi di avvio (un lungo avvio peraltro). Interessante e tutto sommato nuova nei sistemi italiani l’attenzione al supporto e al dialogo con gli utenti. Resta comunque il fatto che le informazioni davvero rilevanti per la ricerca (inventari ecc.) continuano a vivere nei sistemi di origine e questo pone più di un problema e genera qualche preoccupazione anche se la soluzione appariva da tempo inevitabile. La speranza è che l’investimento fatto nel SAN non sia stato sovradimensionato. A proposito in tempi di sobrietà e tagli sarebbe bello che da qualche parte i diversi portali dichiarassero quanto sono costati ai contribuenti, no? E che non manchino alla fine le risorse per i sistemi satellite dove vivono le descrizioni archivistiche analitiche quando non le riproduzioni dei documenti. Bisogna poi esprimere l’auspicio che cresca il numero dei sistemi aderenti ma questo sarà solo questione di tempo, spero.

Quanto poi ai portali tematici che sono spuntati numerosi valgono in qualche misura le stesse considerazioni: le architetture ci sono e in molti casi rispondono bene all’esigenza di rinnovare l’immagine un pò stantia dell’universo archivistico e portano l’attenzione anche su tipologie documentarie tradizionalmente poco considerate dall’archivistica italiana. Più rarefatti i contenuti e quindi c’è da augurarsi che la prossima fase sia quella del popolamento dei sistemi.

Fatti il san bisognerà insomma fare i sanniti…

 

Precedente Stardust memories Successivo Monitoraggio sullo stato di attuazione della normativa archivistica