Marche/Cultura: Regione, fondi alle Province per gli archivi – ASCA.it

Vi segnalo, fonte ASCA.it, che l’assessorato regionale alla Cultura della Regione ha stanziato 85.000 € per sviluppare un’azione di natura sistemica sugli archivi storici di tutto il territorio delle Marche. Il progetto si ispira esplicitamente alla best practice ”Memorie di carta”, della provincia di Ascoli Piceno.

“Le buone prassi prevedono infatti la massima collaborazione, non solo istituzionale (Regione, Province, Comuni, Stato/Soprintendenza archivistica, Università), ma anche con altre istituzioni culturali ed associazioni (professionali, culturali, non profit,…), singoli operatori interessati a sviluppare attività di valorizzazione che ruotino intorno all’archivio: didattica per le scuole e l’Università, promozione di studi e ricerche, organizzazione di mostre documentarie, digitalizzazione di nuclei documentali di particolare pregio e rilevanza ai fini di una più ampia accessibilità pubblica sul web e sui sistemi mobili di comunicazione”.

Precedente APEx project - Dublin conference Successivo Un archivio per la memoria del Web | ilBo

One thought on “Marche/Cultura: Regione, fondi alle Province per gli archivi – ASCA.it

  1. allegra paci il said:

    Devo dire che mi ha stupito il richiamo esplicito al progetto “Memorie di carta”. Ho avuto il piacere di farne parte e gli va riconosciuta una specificità che raramente si incontra: profilo molto semplice nell’approccio – selezione degli operatori snellissima, linee guide ridotte al minimo, interventi correttivi da parte del coordinatore del tutto rispettosi delle specificità degli archivi e degli archivisti – ma caratterizzato da una grande correttezza formale da parte di tutti i soggetti conivolti.
    Ogni intervento che è stato completato è stato oggetto di una giornata di presentazione a cui ha SEMPRE presidiato il Presidente della Provincia e l’Assessore alla cultura, con conseguente ricaduta sui media.
    Come dire, hanno fatto il passo secondo le proprie capacità e risorse e ci hanno davvero creduto. Strano che a Regionopoli, patria dei GRANDI EVENTI se siano accorti!

I commenti sono chiusi.