A rischio l’Archivio di Stato di Fermo

Con l’applicazione delle norme di riorganizzazione collegate alla spending review è stato revocato il comando all’unica dipendente che garantiva un andamento se non regolare accettabile all’Archivio di Stato di Fermo che adesso è a rischio chiusura per mancanza di personale. Al di là del caso specifico (e delle conseguenze per la didattica e la ricerca che comunque in quell’istituto venivano sviluppate soprattutto dai docenti e dagli studenti dei corsi di beni culturali) mi sembra che una volta di più si debba da un lato sottolineare l’assordante silenzio delle istituzioni e della politica in materia di archivi e di (ri)organizzazione del modello conservativo e dall’altro l’incapacità che la nostra comnunità ha di incidere sulla realtà. Gli archivi di stato si stanno estinguendo insieme alle generazioni che li hanno mandati avanti per decenni e vivono appesi ai fili di sovraccarichi di incarichi direttivi, comandi, volontariato ma nulla sembra poter invertire questa tendenza. Forse tagliare in maniera mirata e riaccorpare secondo logiche e modelli più sostenibili può essere la soluzione. Ma occorrono una volta di più interventi strutturali ….

Precedente Open data day italiano: materiali e recensione Successivo Bando CNR per digital library

2 thoughts on “A rischio l’Archivio di Stato di Fermo

  1. ArchiFede il said:

    Sperare non costa nulla…Se ci rinunciamo è davvero finita. E comunque se ne potrebbe uscire solo così.

  2. ArchiPierlu il said:

    le ultime due parole sono quelle che ci fanno purtroppo sperare poco: interventi, e addirittura “strutturali”

I commenti sono chiusi.