eIDAS e la firma elettronica europea

Volevo segnalare a chi non ne fosse ancora a conoscenza che eIDAS è un acronimo utilizzato per indicare il nuovo Regolamento europeo, in attesa di pubblicazione in gazzetta ufficiale,  in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato, derivato dai termini electronic identification, authentication, signature.

Al riguardo viene segnalato sul sito del parer un articolo di Giusella Finocchiaro che ne mette in risalto la principale novità: per la prima volta non viene emanata una direttiva in materia ma un Regolamento applicabile direttamente in tutti gli stati membri, che ha tra i suoi scopi quello di realizzare l’interoperabilità giuridica e tecnica fra i Paesi dell’ Unione Europea degli strumenti elettronici di identificazione, autenticazione e firma.

Qui il testo della proposta del citato Regolamento con relazione illustrativa.

Personalmente ritengo possa essere molto intrigante – e necessaria – la via dell’interoperabilità giuridica e tecnica, tra i paesi almeno europei, in materia di formazione, gestione e conservazione degli archivi digitali, senza il passaggio intermedio del recepimento.

Precedente Associazioni di archivisti Successivo Fondi sociali europei per gli archivi

One thought on “eIDAS e la firma elettronica europea

  1. allegra paci il said:

    Vedendo le specificità delle competenze di Mara e seguitando a dibattermi nei problemi connessi alla riorganizzazione documentale in generale e particolare dei Comuni volevo lanciare una proposta.
    Ogni volta che ho un dubbio e sollevo domande a colleghi e referenti scopro che su molte questioni relative al rapporto tra la effettiva gestione dei documenti e gli strumenti adottati per gestirli – quali i protocolli e softwar vari – non sono state trovate e fornite risposte convincenti. Perchè non apriamo qui una rubrica ad hoc?!

I commenti sono chiusi.