fascicoli informatici e metadati

Sto lavorando all’aggiornamento del manuale di gestione di un comune, alla luce delle regole tecniche (dpcm 3 dicembre 2013). La parte che mi risulta più ostica è quella relativa alla fascicolazione. Direi che, storicamente, nella normativa collegata alla informatizzazioned ella PA è l’area più confusa e, nella pratica, l’attività più disattesa.

Analizzando i metadami minimi che per il dpcm devono accompagnare il fascicolo informatico (allegato 5, capitolo 4) mi chiedo: l’indice di classificazione dove trova spazio? Propenderei per la voce “identificativo” visto anche che il capitolo alla voce “documento” fa rimando al CAD e alla circolare Aipa del 2001 in cui l’indice diclassificazione, se non sbaglio, non è tra i requisiti minimi della registrazione di protocollo.

Accetto scambi e contributi…

blog archivistici

Informazioni su allegra paci

Membro del Consiglio di amministrazione e coordinatrice per gli interventi archivistici di Ebla, cooperativa romagnola. Ha assistito alla nascita di archivisticaedintorni , blog a cui collabora da sempre con il nome di Archiviata, fornendo i suoi contributi, in particolare, per tutti gli aspetti connessi alla professione e alla realtà archivistica di Marche ed Emilia Romagna.

Precedente 29 novembre a Roma! Successivo L'archivistica da rifondare

4 thoughts on “fascicoli informatici e metadati

  1. Mara Pecorari il said:

    A seguito degli studi effettuati sulla produzione dei pacchetti SIP in rapporto alle nuove regole tecniche, per quanto riguarda la strutturazione dei metadati sui fascicoli, ritengo che l’indice di classificazione, seguito dal numero del fascicolo, trovino entrambi spazio alla voce “identificativo” del fascicolo.

I commenti sono chiusi.